Strumenti Utente

Strumenti Sito


humor:barzellette

Barzellette di argomento musicale

Le 15 regole d'oro della musica d'assieme

Testo di autore anonimo ritrovato presso l’archivio del Teatro Comunale di Bologna

  1. suonate tutti lo stesso pezzo
  2. fermatevi ad ogni segno di ritornello e discutete animatamente se ripetere o no
  3. chi stona getti un’occhiata ad uno dei suoi colleghi
  4. accordate con la massima cura prima di suonare, dopo di che potrete stonare per tutta la sera con la coscienza a posto
  5. girate le pagine con la dovuta calma
  6. una nota giusta al momento sbagliato è una nota sbagliata (e viceversa)
  7. se tutti si imbrogliano, eccetto voi, allora siete voi ad imbrogliarvi
  8. cercate di massimizzare l’nnps (numero di note per secondo), vi guadagnerete l’ammirazione degli incompetenti
  9. le legatura, i coloriti e gli abbellimenti non devono essere rispettati, servono solo ad abbellire la pagina stampata
  10. se un passo è difficile rallentate, se è facile accelerate, alla fine tutto si aggiusta
  11. quando vi siete persi del tutto, fermate tutti gli altri e dite: “forse dovremmo accordare meglio”
  12. se per colpa vostra tutti gli altri si sono dovuti fermare, spiegate dettagliatamente le ragioni per le quali vi siete imbrogliati, tutto ciò desta sempre molto interesse
  13. la vera interpretazione è quella nella quale non resta più una sola nota dell’originale
  14. una nota stonata suonata con timidezza è una nota stonata, una nota stonata suonata con autorità è interpretazione
  15. quando tutti gli altri hanno finito di suonare, non continuate a suonare le note che vi sono avanzate

Arpa

  • Per quanto tempo un'arpa mantiene l'accordatura? Per circa 20 minuti, a meno che qualcuno non apra la porta
  • L'arpista è uno strumentista che spende il novanta per cento del tempo accordando la sua arpa e il dieci per cento suonando scordato. (Igor Stravinskij)

Cantanti

  • Dove si trova la cassa di risonanza nei tenori? Nel posto dove gli altri hanno il cervello
  • All'inizio Caruso era un italiano. Poi qualcuno sentì la sua voce e gli disse che sarebbe andato lontano. Così venne in America.
  • Prova d'opera. Alla fine dell'aria il direttore inizia a mettere a posto l'insieme: “Dunque, a battuta 10 facciamo un accelerando fino a battuta 15, poi a battuta 18 un rallentando improvviso, da battuta 23 passate a battuta 26….” A questo punto il soprano si rivolge al direttore: “E io?” E il direttore: “Tu cara canta così che va benissimo”
  • Dicono che è ingenerosa la definizione di “elefanti canori” data ad alcuni tenori verdiani del passato. Ecco la storia di come è nata:
  • Debbo dire che alcuni cantanti fanno proprio ridere:

Cellulari

  • Scritta fuori dal Kaufman Centre di Melbourne: “Se vi squilla il cellulare durante il concerto verrete obbligati a salire sul palcoscenico e a suonare il fagotto”. Punizione palesemente esagerata.
  • Durante il concerto di un pianista squilla un cellulare in platea. Il pianista, senza scomporsi e continuando a suonare, dice: “se è il mio agente, gli dica che ora non posso perchè sono al lavoro”

Chitarre e chitarristi

  • un chitarrista torna a casa e trova un suo amico chitarrista a letto con sua moglie - “ehi! ma cosa stai facendo?!” - “mah… un po' suono, un po' insegno…”
  • per un chitarrista non esistono le pause, ma solo spazi in cui inserire un assolo
  • Ristorante: entra un giovanotto magrissimo con una chitarra, si siede e al cameriere che accorre ordina: “spaghetti alla chitarra” Il cameriere: “Forse farebbero meglio a lei che alla chitarra”

Contrabbassi e contrabbassisti

  • La sapete quella del contrabbassista che era così stonato che la sua sezione se n'è accorta?
  • Un contrabbassista arriva leggermente in ritardo alla prova di un pezzo di repertorio. Il direttore, gentilmente, gli dice: “vuole prendersi un po' di tempo per sistemare l'accordatura?” e il contrabbassista: “perchè? E' cambiata rispetto all'anno scorso?”
  • Un direttore al primo dei contrabbassi: “Per favore, accordi il suo strumento. Non sente come è scordato?”. Il contrabbassista, prendendo le corde e dando una tirata verso l'alto: “E' accordato! Tutte le corde sono tese uguali!”. Si gira la prima viola: “Scemo! Non lo sai che devi controllare che i piroli siano tutti allineati?”.
  • “Morirò senza aver capito le donne e l'intonazione dei contrabbassi” (Arturo Toscanini)

Consigli preziosi

  • Come ottenere un buon suono da un violoncello? Lo si vende per comprare un violino
  • Come evitare il furto di un violino prezioso? Lo si ripone in un astuccio da viola
  • Come ottenere un unisono tra due ottavini? Basta eliminarne uno
  • Come si fa per far suonare più lentamente un chitarrista ? Gli si mette davanti della carta da musica. E per farlo fermare del tutto ? Si scrive qualche nota sulla carta che gli si era messa davanti.

Corni e cornisti

  • Al termine della loro esistenza terrena, due uomini bussano alle Porte del Paradiso. Imbarazzato, San Pietro spiega che, per via dei recenti tagli del budget, solo uno di loro potrà essere ammesso, e invita ciascuno a dire le proprie ragioni. “Bene - dice uno - io ero il parroco del mio villaggio, per tutta la vita ho pregato per i miei parrocchiani, e ora mi pare di avere meritato il Paradiso.” “Pare anche a me. E tu?” Chiede poi S. Pietro all'altro. “Ahimè, io non posso certo avere la precedenza su un prete. Ero il primo corno dell'orchestra della mia città.” “Ah! - esclama S. Pietro - sei proprio tu quello… sì, vieni avanti!” “Ma come…” protesta il prete. “Eh, che vuoi, tu pregavi tutte le domeniche per i tuoi parrocchiani, è vero; ma ogni domenica, durante il concerto, tutto il pubblico pregava per lui!”
  • Come è nato il corno? Da uno studente di trombone che in un momento di rabbia ha piegato lo strumento in quattro.
  • Come si trasforma un Trombone in un Corno? Infili la mano nella campana e sbagli un sacco di note.
  • Una ragazza va a un appuntamento con un suonatore di tromba. Il giorno dopo si confida con un'amica, che chiede se lo strumento lo rendeva particolarmente bravo a baciare. “Aveva delle labbrucce secche, dure e sottili; non m'è piaciuto affatto”, è la risposta. La sera dopo la prima ragazza esce con un suonatore di tuba, e l'amica le rivolge la stessa domanda. “Aveva certi labbroni gommosi, molli e bavosi; una cosa davvero volgare!” La terza sera esce con un cornista, e il giorno dopo è particolarmente allegra. L'amica chiede: “Be', come baciava?” Lei risponde: “Così e così, però mi piaceva tanto il modo in cui mi teneva!”
  • Il figlioletto di un Cornista va a far visita al padre, molto malato, ormai da tempo all'ospedale. Entra nella camera accompagnato dalla madre, che lo solleva sul letto perché lui possa avvicinarsi. Guarda il padre, che a sua volta lo guarda commosso e, dopo avergli dato un bacio sulla guancia, gli dice teneramente: «Paprà…»

Colmi

  • Colmo per un organista: Essere sulla cresta dell'Unda maris
  • Colmo per un organista in carcere: Avere un piano e studiare la fuga
  • Colmo per un direttore di coro: avere un basso tenore di vita
  • Colmo per una violoncellista? Essere giù di corda.
  • Colmo per un coro di voci bianche? Essere formato da soli bimbi di colore

Compositori

  • Negli anni '50 il Festival di Venezia chiese a Stravinskij un'opera originale. Il compositore la inviò, ma poichè durava solo 15 minuti, fu giudicata insufficiente. Stravinskij: “Basta che la suoniate due volte…”. (Igor Stravinskij)
  • Se c'è qualcuno che deve tutto a Bach è proprio Dio. (Emile M. Cioran)
  • Noto compositore ucciso mentre scriveva la sua ultima canzone. Ignoto il motivo….
  • La musica dodecafonica ha bisogno di essere meglio pubblicizzata presso il grande pubblico. Ecco come fare:

Concerti e locandine

  • Questa sera, alla sala Freud, suonerà Edipo e il suo complesso; solista d'eccezione: Eustachio e la sua tromba

Concertisti

  • Due noti concertisti, uno milanese e l'altro napoletano, chiacchierano tra loro. Il milanese racconta: “Ieri sera ho tenuto un concerto alla Scala, appena ho finito di suonare c'è stata un'ovazione generale, lanci di fiori sul palco, applausi, standing ovation………. Ma quello che mi ha fatto più piacere è stato che il sindaco è salito sul palco, mi ha stretto la mano e ha detto: “Complimenti Lei ci ha commosso! Persino la Madonnina ha pianto!” Il napoletano risponde: “Anch'io ho tenuto un concerto ieri sera al San Carlo, appena ho finito di suonare c'è stata un'ovazione generale, lanci di fiori sul palco, applausi, standing ovation………. Ma quello che mi ha più stupito è stato che si è aperta la porta in fondo ed è entrato Gesù, è salito sul palco, mi ha stretto la mano e ha detto: “Complimenti! Tu si ca' suone bbuono! No comme a chillu strunz 'e milanese ca' fatt' chiagnere a mammà!”

Cori

  • Nessun coro è migliore di un coro veramente muto

Crescita

  • “Mamma, io voglio diventare grande e fare il musicista”. “Gigino, devi scegliere, tutte e due le cose non sono possibili”.

Critici

  • Buona parte del giornalismo musicale è gente che non sa scrivere che intervista gente che non sa parlare per gente che non sa leggere. (Frank Zappa)
  • Un giornalista scrisse un articolo molto negativo sul compositore Max Reger. Lui rispose per lettera: “Sono seduto in un piccolo e delizioso gabinetto e ho il vostro articolo davanti a me. Tra non molto l'avrò dietro”.
  • “Studia bene il violino, Alphonse. Se studi e hai talento diventerai un grande musicista”. “E se non lo faccio?”. “Se non studierai e prenderai molte stecche farai il critico musicale”. (da “L'amore fugge” di Francois Truffaut)

Differenze

  • Che differenza passa tra una bara e una viola? Nella bara il morto sta dentro.
  • Che differenza passa tra una viola e una lavatrice?
    1. Il vibrato
    2. Quello che esce dalla lavatrice è pulito.
  • Che differenza c'è tra un missile SCUD e un violista? Nessuna: entrambi sono pericolosi ed imprecisi
  • Che differenza c'è tra il primo e l'ultimo leggio delle viole? Mezza battuta e mezzo tono
  • Che differenza c'è tra i Beatles e una sezione di viole? Nessuna, tutti dal 1970 in poi non suonano più assieme
  • Che differenza c'è tra un sassofono baritono e una sega a nastro? La segatura
  • Che differenza c'è tra un soprano e un terrorista? Con un terrorista si può negoziare
  • Che differenza c'è tra un soprano e un pit-bull? La collana di perle
  • Che differenza c'è tra un soprano-soubrette e un cobra? La prima è velenosissima, l'altro è un rettile
  • Che differenza c'è tra una soprano e una Porsche? La maggior parte dei musicisti non ha mai posseduto una Porsche
  • Che differenza c'è tra un direttore e un sacco di letame? Il sacco
  • Che differenza c'è tra Dio e un direttore d'orchestra? Dio sa di non essere un direttore d'orchestra
  • Che differenza c'è tra una chitarra e una pizza? Con una pizza, almeno per poco, ti puoi sfamare.
  • Che differenza c'è tra un soprano wagneriano e un elefante? Circa quaranta chili
  • Che differenza c'è tra il primo amore ed una chitarra? Il primo amore non si scorda mai…
  • Che differenza c'è tra un oboe (o una viola) e una cipolla? Nessuno piange quando triti un oboe (o una viola).
  • Che differenza c'è tra il fulmine e le dita di un violista?
    1. Nessuna. In entrambi i casi non cadono quasi mai due volte nello stesso posto.
    2. Nessuna. In entrambi i casi non si sa mai dove vanno a finire.
  • Che differenza c'è tra un direttore e uno scimpanzé? È scientificamente dimostrato che gli scimpanzé sanno comunicare con gli esseri umani.
  • Che differenza c'è tra un chitarrista jazz e uno pop? Il chitarrista jazz fa 1000 note davanti a 3 persone, mentre il chitarrista pop fa 3 note davanti a 1000 persone.

Direttori

  • Muore Oistrack e si presenta da S. Pietro, il quale lo accoglie in Paradiso e gli annuncia che è già atteso alla prima prova come orchestrale nella Orchestra Filarmonica Celeste. Osistrack è perplesso, ma S. Pietro gli fa fretta e lo porta nel grande auditorium dove l'orchestra sta accordandosi. Riconosce i grandi geni della storia: Paganini primo violino, Corelli concertino, Mozart e Bach alla viola, Quantz al flauto e così via. Kreisler, suo compagno di leggio, gli dice di accordare in fretta lo strumento e di studiare i passi difficili della parte, altrimenti il Direttore lo avrebbe scaraventato all'inferno. “Ma chi è il Direttore”, chiede Oistrack. “E' Dio Padre in persona” risponde Kreisler. “E come dirige?” “Bè, non c'è male, è abbastanza bravo, tuttavia ha appena cominciato ad impratichirsi e già si crede Von Karajan”
  • Un orchestrale della Scala muore durante una prova. Arriva in Paradiso: sulla porta lo accoglie S. Pietro: “Presto, presto, stanno per iniziare le prove della Filarmonica del Paradiso, ti aspettano!!” Lo accompagnano nell'auditorium; si siede al suo posto e fa appena in tempo ad accordare il suo strumento che entra….. Muti!! L'orchestrale si rivolge al suo vicino e gli mormora, incredulo: “Ehi, ma quello è Muti!! Pensa, io stavo proprio provando con lui quando sono morto! Ma come è possibile??!!” Al che il neo-collega ribatte:” “No, quello non è Muti, è Dio che si atteggia a Muti.”
  • Festival di Salisburgo, ad un caffè sono seduti Karajan, Bernstein e Solti. Bernstein dice “il delirio del pubblico ad ogni mio concerto e l'entusiasmo di tutti i critici rendono evidente il fatto che io sia il migliore direttore d'orchestra del mondo”. Solti risponde: “caro collega, non ne sarei così sicuro. Non so se ci credi, ma Dio stesso mi è apparso pochi giorni fa dicendomi: Georg, sei il più grande ed in te io mi sono compiaciuto.” Karajan borbotta: “io non ho detto proprio nulla!”
  • Qual'è il peso ideale per un direttore? Tre chili, urna compresa.
  • Cosa si fa se un cornista non sa suonare? Gli si danno due bacchette, lo si fa andare in fondo all'orchestra e lo si chiama “percussionista”. E se ancora non riesce a concludere niente? Gli si toglie una bacchetta, lo si mette davanti e lo si chiama “direttore d'orchestra”.
  • Il direttore si ferma e dice: « Qui la seconda tromba suona troppo forte!» La prima tromba si alza in piedi e dice: «Maestro, oggi la seconda tromba è assente per malattia» e il direttore: «Non fa niente: quando ritorna ditegli che in questo punto suonava troppo forte!» (Franco Ferrara)
  • Herbert von Karajan e sua moglie entrano in una camera d'albergo: Lei - “Dio mio, che freddo c'è qua dentro.” Lui - “Ma, amore mio, quando siamo in privato puoi chiamarmi Herbert!”
  • In un bosco, un coniglietto saltella felice e spensierato finchè ad un tratto scoppia un temporale. Il coniglietto allora corre a cercar riparo dall'acqua e si infila in una galleria scavata nel terreno, ma ahime, è la tana di un grosso serpente. Il coniglietto camminando per questa tana che è anche buia, viene scoperto dal serpente che accostandosi e palpandolo gli dice: Ummmh! pssh! psshhh! Hai il pelo…. pshh! sei morbido… psshhhh! hai le orecchie lunghe… psssssssiiiiihhhh! sei un coniglio vero??? - Accidenti che bravo, solo toccandomi, ma come hai fatto? - Non è difficile, disse il sepente, prova a toccarmi psshh! prova a indovinare chi sono…. - Allora il coniglietto provò ad analizzare il padrone di casa e disse: Sibili…. Strisci…. Non hai le orecchie…. ho capito! Tu sei un direttore d'orchestra!
  • Per fortuna, quando i direttori esagerano e diventano insopportabili, è possibile sostituirli con meravigliose apparecchiature elettroniche:

Disoccupazione

  • Un flautista, pur dotato di un curriculum stratosferico, si trova alla fame più nera. All'arrivo dell'ultimo avviso prima del distacco della corrente elettrica, esce di casa sconsolato non sapendo cosa fare per guadagnare qualche soldo. Per la strada vede il cartellone di un circo e da lì gli viene un'idea: chiedere se c'è un posto nella banda. Si precipita dal direttore il quale gli dice: “guardi, la banda è al completo, ma se lei vuole un lavoro ce l'avrei, e pure ben pagato. Sa… si è ammalato l'orso bruno e non possiamo rimanere senza il celebre numero in cui l'orso passeggia in equilibrio sulla fune e sotto i leoni ruggiscono ansiosi di sbranarlo… Con un pellicciotto finto lei sarebbe perfetto…” Il flautista si alza stizzito e se ne va, dicendo che non ha frequentato tante accademie e scuole di alto perfezionamento per andare a fare l'orso finto. Al ritorno a casa trova l'istanza di pignoramento dell'appartamento. Piange amaramente e, mogio mogio, ritorna dal direttore del circo, umiliato e sconfitto. La sera stessa si mette il pellicciotto da orso piangendo e, al momento convenuto, prende l'asta di equilibrio e si avventura sulla fune. Dopo una titubanza iniziale, dovuta alla paura per i leoni ferocissimi sottostanti, il poveretto si fa coraggio e si spinge fino alla fine, tra il visibilio del pubblico. E' ormai arrivato dall'altra parte quando mette un piede in fallo e scivola giù nella fossa dei leoni. Convinto che sia suonata per lui l'ultima ora, apre disperato gli occhi e vede all'interno delle fauci di un leone un volto umano che gli bisbiglia: “Tranquillo, non ti preoccupare, siamo tutti chitarristi…”
  • “Sai, finalmente mio cugino ha trovato lavoro: e' riuscito ad entrare nell'orchestra della RAI”. “Ma e' diventato musicista?”. “No, e' diventato socialista”.
  • Un giovane arriva nello studio del medico e dice: “Dottore, non ho avuto nessun movimento intestinale in questa settimana.” Il dottore gli prescrive un lassativo leggero e gli dice: “Se non funziona, me lo faccia sapere.” Una settimana dopo il giovane ritorna: “Dottore, ancora niente.” Il dottore risponde: “Hmm, mi sa che hai bisogno di qualcosa di più forte.” E gli prescrive un forte lassativo. Passa un'altra settimana ed il povero giovane ritorna: “Dottore, ancora niente!” Il dottore, preoccupato, dice: “Sarà meglio che mi dai un po' di informazioni su di te e proviamo a capire cosa sta succedendo. Cosa fai per vivere?” “Sono un musicista.” Il dottore guarda verso l'alto e dice: “Ok, ho capito. Ecco 10 Euro. Compra qualcosa da mangiare!”

Fagotti e fagottisti

  • Lite in famiglia: fagotto-controfagotto.

Flauti e flautisti

  • Toscanini un giorno disse: “Ho diretto numerosissime orchestre nel corso della mia carriera; eppure, anche nelle migliori, ci sono sempre 2 strumenti che sono invariabilmente stonati: uno è il flauto…” “E l'altro qual è, maestro?” “Il secondo flauto, naturalmente!”
  • Cosa c'è di peggio di un concerto per flauto? Un concerto per due flauti (Gioachino Rossini)
  • Tra flautisti: “perché tossisci?” - “Scusa, mi è andata una croma di traverso”

Guadagni

  • Come si fa a mettersi un miliardo in tasca suonando musica classica? Bisogna iniziare con due miliardi…

Inserzioni giornalistiche

  • Donasi flauto in pelle a ragazza che sappia suonare almeno tre note: SI LA DO oppure MI, SI, FA
  • Avviato quartetto d'archi cerca due violinisti e un violoncellista.
  • Vendo viola tedesca del XIX secolo, in ottime condizioni. Accordata recentemente.

Lampada di Aladino

  • Un violista, ultimo della fila in una orchestra di provincia, trova per caso la lampada di Aladino. Il genio gli dice, come al solito, che potrà esaudire tre suoi desideri. Il violista dice che vuole un enorme avanzamento di carriera come musicista. Il giorno dopo si trova prima viola nella sua orchestra. A questo punto chiede al genio ancora un enorme avanzamento di carriera come musicista. La mattina dopo viene ingaggiato come prima viola alla Filarmonica di Berlino. Il violista chiede ancora un enorme avanzamento di carriera come musicista. La mattina dopo si ritrova… all'ultimo leggio dei secondi violini della sua vecchia orchestra.
  • Un musicista trova la lampada di Aladino e il genio che ne esce gli concede un solo desiderio. Il musicista chiede la pace nel Medio Oriente. Il genio dice “aspetta, questo desiderio è un po' troppo grande per un piccolo genio come me: sai, lì ci sono problemi immensi che durano da millenni. Non è che hai una altro desiderio un po' più alla mia portata?” Il musicista allora chiede di poter sentire la fila delle viole, nell'orchestra sinfonica della sua città, a tempo e intonata. Il genio allora: “senti un po': hai mica a portata di mano una mappa del Medio Oriente?”

Lampadine

  • Quanti clarinettisti ci vogliono per cambiare una lampadina? Ne basta uno, ma bisogna fornirgli una scatola da 100 lampadine prima che riesca a trovare quella che va bene
  • Quanti contralti occorrono per cambiare una lampadina?
    1. Nessuno. Loro non arrivano così in alto.
    2. Due: una avvita la lampadina a l'altra a dire: “Non è troppo acuto per te?”
  • Quanti trombettisti ci vogliono per cambiare una lampadina? Cinque! Il primo cambia la lampadina, e gli altri quattro gli raccontano come avrebbero fatto lo stesso lavoro molto meglio di lui
  • Quanti chitarristi ci vogliono per cambiare una lampadina? Dodici! Il primo cambia la lampadina, e gli altri undici gli raccontano come avrebbero fatto lo stesso lavoro molto meglio di lui
  • Quanti cornisti occorrono per cambiare una lampadina? Uno solo, ma avrà bisogno di un paio d'ore per verificare eventuali perdite e l'allineamento alla campana
  • Quanti percussionisti occorrono per cambiare una lampadina?
    1. “Perché? Wow! Non ti piace il buio?
    2. Uno solo, ma romperà almeno venti lampadine prima di capire che vanno avvitate e non colpite
    3. Due: uno tiene la lampadina e l'altro gira la pedana delle percussioni (ma solo dopo aver capito che non serve batterla con una bacchetta.)
    4. Venti: uno tiene la lampadina e gli altri diciannove bevono fino a che la stanza gira.
  • Quanti tenori occorrono per cambiare una lampadina? Cinque. Uno cambia la lampadina, gli altri quattro si lamentano del ruolo che non possiede gli acuti adatti alla loro voce
  • Quanti primi fagotti occorrono per cambiare una lampadina? Nessuno . . . è un lavoro da secondo fagotto!
  • Quanti oboisti occorrono per cambiare una lampadina? Uno, ma ci metterà un'ora per trovare la lampadina giusta…
  • Quanti tubisti occorrono per avvitare una lampadina? Tre. Uno tiene la lampadina e gli altri due bevono finché la stanza comincia a girare!
  • Quanti secondi violini occorrono per cambiare una lampadina? Nessuno, i secondi violini non arrivano così in alto.
  • Quante arpiste occorrono per cambiare una lampadina? Una: tiene la lampadina mentre il mondo le gira attorno!

Liutai

  • Un tempo a Cremona c'erano, nello stesso quartiere, le botteghe dei massimi liutai della storia. Sulla bottega di Amati c'era un cartello che diceva “qui trovate i migliori violini d'Italia”. Sulla porta della bottega di Guarnieri c'è scritto “In questa bottega si vendono i migliori violini del mondo”. Sulla bottega di Stradivari “Qui i migliori violini del quartiere”

Miscellanea

  • Coniugi musicisti: lei suona il piano e lui la tromba.
  • Uno spiccato senso per la musica l'ho trovato quasi esclusivamente nei banchieri, ma solo raramente negli artisti, che preferivano parlare di soldi. (Jean Sibelius)
  • I Berliner Philarmoniker alle prese con la tosse cosmica
  • Ecco un grande virtuoso della SEGA:

Motti

  • Motto degli strumentisti ad arco: meglio crescenti che stonati.

Oboi e oboisti

  • Come fa un oboista a suonare un la bemolle? Toglie le batterie dall'accordatore elettronico
  • Alla visita di leva si presenta un oboista. Il soldato che fa il colloquio chiede: “titolo di studio?” “Diplomato in oboe”. Il soldato scrive sul foglio O.B.O.E. Al che l'oboista chiede “ma perché ha scritto ogni lettera col punto?” “Perché non tutti nell'ufficio di sopra sanno che si tratta di una sigla” [storia veramente accaduta]

Opera

  • Tutte le opere liriche del mondo hanno la stessa trama: un basso (o un baritono) vuole impedire a un tenore di amare un soprano
  • “Tu ci vai alle Nozze di Figaro?”. “No, penso di cavarmela con un telegramma”.
  • “E' vero che alla fine Tosca muore?”. “Certo”. “Peccato, avevo comprato i biglietti per la recita di domani!”.
  • Il Parsifal è quel genere di opera che inizia alle 6 di sera. Dopo circa tre ore guardi l'orologio e scopri che sono solo le 6 e 20. (David Randolph)
  • Non si può giudicare il Lohengrin al primo ascolto. E certamente non intendo ascoltarlo una seconda volta. (Gioacchino Rossini)
  • Opera di Stato di Vienna. Contrariamente a quanto scritto sul calendario mensile, al posto di “Lohengrin” di Richard Wagner viene rappresentata “Carmen” di Georges Bizet. In un palco arriva un signore con aria sapiente che comincia a domandare con una certa insistenza: “Ma quando viene il cigno?” Dopo pochi minuti la stessa domanda. Dopo un'ulteriore richiesta rivolta ai suoi vicini di palco una signora gli dice: “Ma non ha visto il cartello? Questa sera si dà Carmen al posto di Lohengrin!” E il signore risponde: “Allora me ne posso anche andare: di Carmen conosco la partitura a memoria!”
  • Nell'ultima scena dei Pagliacci, Canio accoltella Nedda, che è la persona che lui ama veramente. Subito dopo anche Silvio viene accoltellato, e tutti vivono felici e contenti.

Perchè

  • Perché nelle registrazioni digitali più avanzate tecnologicamente non si sente il suono della viola? Perché le tecnologie anti-disturbo hanno fatto passi da gigante
  • Perché la viola in tedesco si chiama “Bratsche”? Perchè è esattamente il suono che fa quando uno ci si siede sopra
  • Perché un gorilla non potebbe mai imparare a suonare la tromba? Perché è troppo sensibile
  • Perché un direttore è come un preservativo? Perchè quando lo si usa si è più sicuri, ma quando non c'è è più bello
  • Perché i polli attraversano la strada? Per allontanarsi dal recital di fagotto.
  • Perché i violisti hanno il cervello grande come un fagiolo? Perché gli si è gonfiato con l'alcool.
  • Perché i violinisti passano alla viola? Così possono parcheggiare nei posti riservati agli handicappati.

Organo e organisti

  • Un parroco, come sua consuetudine, un pomeriggio va a prendere il thé dalla sua organista, (una professoressa zitella e già avanti con gli anni). appena giunto a casa sua, la professoressa lo fa accomodare nel suo studio e dopo una breve chiacchierata, lo lascia solo e va in cucina a preparare il thé. Quella volta il sacerdote decide di aspettare in piedi e si mette a girovagare in quella stanza arredata con gusto, con un pianoforte verticale e una consolle d'organo a ben tre manuali più pedaliera ed un sacco di registri. Incuriosito da questo mastodontico strumento, il parroco nota sull'organo un bicchiere con dell'acqua e una cosa che galleggia dentro. In un primo momento non ci fa caso distratto dai nomi particolari dei registri come, il salicionale, il bordone, la X-V ecc. poi una volta vicino nota che la cosa a galleggiare in realtà è un preservativo… Stupito e brasato, sente i passi della proff avvicinarsi allo studio e allora si precipita a sedersi sulla poltrona, appena i n tempo per veder entrare la donna con il vassoio in mano. Servito il thé i due incominciano a dialogare del più e del meno, fino a quando il parroco, spinto da una curiosità cha sa di incontrollabile, le domanda: Cosa contiene quel bicchiere laggiù? indicando l'organo… e la signora con una risatina innocente risponde, ma la sa una cosa? una domenica mentre venivo a messa, ho visto per terra una cosa che luccicava. era un pacchettino di stagnola con delle istruzioni per l'uso e diceva che dovevo porlo sull'organo e tenerlo umido e avrebbe tenuto lontano le malattie… Beh! non mi crederà, ma sono tre anni che è lì e non mi sono presa neanche un raffreddore…
  • Ultimo giorno di lavoro per un organista prima del suo licenziamento in tronco:

Percussioni e percussionisti

  • Un percussionista, stanco di essere preso in giro in quanto tale, decide di cambiare strumento e di passare alla fisarmonica. Va in un immenso negozio di strumenti musicali dove il commesso gli dice: “qui troverà qualsiasi fisarmonica lei voglia, non ha che l'imbarazzo della scelta”. Dopo avere indicato le sue preferenze, il commesso gli dice “mi tolga una curiosità: ma lei è un percussionista?” “Come fa a capirlo?” “E' l'unico che, su oltre 100 fisarmoniche ha scelto il termosifone”.
  • Ieri è venuto il mio vicino alle 2,30 di notte a bussare alla mia porta. Ma vi rendete conto? Per sua fortuna ero ancora sveglio che suonavo la batteria.

Sordità

  • Un flautista sta suonando nella giungla una musica bellissima e tutti gli animali feroci escono incantati ad ascoltarlo. Dopo qualche tempo un leone passa da quelle parti, si avvicina al musicista e se lo mangia. “Cosa hai fatto? - gli chiede il serpente boa - La sua musica era bellissima”. Il leone si mette la zampa accanto all'orecchio e chiede: “Cosa?

Successo

  • Un bravo musicista, per arrivare al successo, deve fare molta gavotta

Pianoforte

  • La macchina per scrivere, quando suonata con sentimento, non dà più disturbo del pianoforte quando suonato da una sorella o parente vicino. (Oscar Wilde)
  • Un capitano si rivolge alle giovani reclute: “Chi di voi è esperto in musica?”. Alzano la mano in quattro o cinque ragazzi. Il capitano è soddisfatto: “Bene! Venite con me: c'è da portare un pianoforte al quarto piano del comando”.
  • Dicono che non è mai troppo tardi per imparare a suonare il pianoforte, ma vorrei che il mio compagno di stanza alle 2 di notte smettesse e andasse a letto. (Nathan Hansar)
  • Un pianista racconta ad un collega: sai, ho fatto tanti progressi studiando all'Accademia di Imola, alla Chigiana e a Salisburgo, ma la grande rivoluzione della mia carriera è stata quando ho deciso di togliermi i guanti da pugile prima di suonare

Tromba e trombone

  • Qual'è la gamma dei coloriti del trombone? Acceso o spento
  • Prova d'orchestra. Il direttore: “perché i tromboni non suonano?” “Maestro, abbiamo 666 battute d'aspetto” “Idioti: è la tonalità di mi bemolle maggiore!” (3 bemolli)
  • Prova d'orchestra. Il direttore: “In questo punto è come se il cielo si aprisse e la commozione prendesse gli uomini e gli angeli” I trombonisti: “Non abbiamo capito: lo vuole più forte o più piano?”

Tuba

  • Pomeriggio del 31 dicembre. Il proprietario di uno dei più famosi ristoranti della città riceve la chiamata dell'agenzia musicale: “Ci dispiace molto, ma l'orchestra che stasera doveva suonare da lei si è sciolta.” “Cosa? E quindi? Come intendete sostituirli? Io ho un veglione con 400 persone!” “Si, sappiamo che lei ha un locale con molte persone, ma per ora non abbiamo trovato un'orchestra libera per stasera.” “Ma siete pazzi? Mi volete rovinare? Io vi denuncio …” “Guardi, le manderemo la migliore soluzione che avremo trovato.” Dopo qualche ora si presenta al locale un duo Fisarmonica e Basso Tuba. Il proprietario minaccia fuoco e fiamme, ma non c'è nulla da fare. Loro sono gli unici che non avevano un impegno per il Veglione di San Silvestro. La festa inizia e il gruppo si mostra ampiamente all'altezza della situazione. Molti clienti dicono al proprietario che il duo è una delle migliori orchestre che hanno mai avuto ad un veglione e altrettanti clienti lasciano delle abbondanti mance per il duo. I due suonano per tutta la festa, senza pause e interruzioni, senza mai ripetere un brano a meno che non sia espressamente richiesto dal pubblico. Alla fine della festa il proprietario si presenta ai due eroi con una grossa busta contenente l'ingaggio e le mance: “Ragazzi, voi mi avete salvato! Siete la migliore orchestra che ho mai avuto! Avete già degli impegni per l'anno prossimo?” I due si guardano e il fisarmonicista dice: “Veramente no, siamo liberi.” “Bene, allora ci vediamo al prossimo San Silvestro!” I due fanno per andare via, quando il tubista torna indietro e dice: “Mi scusi, visto che tra un anno siamo qui da lei, non avrebbe un ripostiglio dove posso lasciare il Basso Tuba?”

Viole e violisti

  • Tutti sanno che la viola supera il violino per il fatto di bruciare più a lungo. Ma non tutti sanno perché. La motivazione è che la viola rimane sempre dentro all'astuccio.
  • Perché i violisti non apprezzano il KamaSutra? Tutte quelle posizioni…
  • Un violista, che ha suonato tutta la vita in orchestra, va in pensione. L'ultimo giorno di lavoro torna a casa con la sua viola nell'astuccio. La moglie lo accoglie e poi dice: “cos'è quell'oggetto che tieni in mano?”
  • Un violista va a congratularsi con un pianista alla fine di un concerto. Gli dice “che bel pezzo ha suonato come bis? E' famoso ma non ricordo il titolo. Quello che comincia con un trillo…” E il pianista “Io ho suonato Per Elisa
  • Un violista urla terribili insulti contro un oboista che, per scherzo, gli ha allentato il pirolo di una corda. Il primo violino gli dice: “non ti sembra di esagerare? Solo per riaccordare una corda?” E il violista furioso: “non sono io che esagero, è lui che non vuole dirmi quale corda!”
  • Un violista che non ne può più di essere umiliato dalle barzellette sui violisti decide di passare al violino, e quindi va a comprarne uno. Il negoziante gli dice: “lei deve essere proprio un violista!” E i violista: “ma da cosa si riconosce?”. “Questo è un negozio di valigeria”
  • Un tizio passeggia sul crinale di una montagna e vede un pastore con un enorme gregge. Gli dice “scommetti una pecora se ti dico esattamente di quanti capi di bestiame è il tuo gregge?” Il pastore acconsente, e il tizio dice “571!” Il pastore attonito gli dice di prendersi la pecora che preferisce. Poi aggiunge: “scommettiamo la pecora che hai preso se ti dico quale mestiere fai nella vita?”. Il tizio acconsente e il pastore dice: “il violista!” Il tizio è esterrefatto e chiede come è riuscito. E il pastore “ridammi il mio cane!”
  • Un gruppo di terroristi rapisce un gruppo di violisti che partecipavano ad un meeting internazionale. Dopo poco fanno sapere alla polizia che, fintanto che le loro richieste non verranno esaudite, libereranno un violista ogni tre ore
  • “Mamma, lo sai che questa mattina a scuola io sapevo dire in ordine tutte le lettere dell'alafabeto mentre i miei compagni si bloccavano verso la -P-?” “Certo Gigino, è perchè tu sei violista” “Mamma, lo sai che oggi io sapevo contare fino a cento mentre i miei compagni facevano fatica ad arrivare a venti?” “Certo Gigino, è perchè tu sei violista” “Mamma, lo sai che sono, in assoluto, non solo il più alto della classe, ma anche della scuola? E' perché sono violista?” “No, Gigino, questo è perché hai 26 anni!”
  • Un signore sta facendo un viaggio nella giungla accompagnato da guide locali e, ad un certo momento, sente un suono ritmato di tamburi. Chiede alle guide di che si tratta e queste dicono che bisogna fuggire al più presto. Nonostante la fuga precipitosa, il suono di tamburi si fa sempre più vicino. Le guide sono molto preoccupate. Ad un tratto i tamburi cessano. Le guide urlano: “si salvi chi può!”. E il turista grida “ma che succede ora?” E le guide: “finito il rullo di tamburi viene l'assolo di viola!”
  • Come puoi salvare un violista che affoga? Comincia col togliere il tuo piede dalla sua testa!
  • Cosa fanno le viole quando suonano divise per leggii? La raccolta differenziata.
  • I suonatori di viola non eran scelti che nella feccia dei violinisti, ed anzi, se un suonatore trovavasi incapace di poter sostenersi sufficientemente in un posto di violino, lo si metteva subito alle viole. Dal che ne risultava che siffatti suonatori non sapevano suonare né il violino, né la viola (Hector Berlioz)
  • Il direttore ai corni: “Corni, dateci questo FA intonato!” E la prima viola: “Maestro, possiamo avere anche noi il FA intonato?”
  • Il direttore durante una prova: “Riprendiamo tre battute prima del Da capo.” E la prima viola: “Un momento! Non abbiamo i numeri delle battute!”
  • Un famoso comico sta volando per recarsi a fare uno spettacolo teatrale. Sull'aereo decide di iniziare una conversazione con il vicino di posto: “Vuole che le racconti una bellissima barzelletta sui violisti?” Il signore accanto a lui gli risponde: “Prima che inizi, voglio che lei sappia che sono un violista!” “Ok, non si preoccupi, gliela racconterò molto lentamente!”
  • Un violista passeggia su un ponte sopra un fiume quando sente urlare una persona caduta nell'acqua: - Aiuto, aiuto, non so nuotare! - Oh, non è così grave. Non ti preoccupare, fai finta!
  • Chi è il Papa dei violisti?… Benedetto sedicesimo!
  • C'era un violista che viveva in campagna isolato da tutto e da tutti perchè era sempre intento a studiare e non voleva essere disturbato dal caos cittadino, fino a quando non si divulgò la notizia che era capace di suonare le semicrome. Così di punto in bianco si organizzarono,dalle città vicine, pellegrinaggi per conoscere questo grande virtuoso “l'esecutore di semicrome”. Cosi le persone bussando alla sua porta lo supplicavano di suonare per loro le semicrome, ma lui imperterrito non voleva assolutamente essere disturbato. Passarono giorni e lo strazio continuava, sempre più persone bussavano alla sua porta, così all'ennesima richiesta usci tra la gente, una donna gli disse: “maestro la prego ci faccia ascoltare le semicrome”, lui molto seccato, posizionandosi con la sua viola le rispose: “e va bene, va bene, una sola però!”

Violini e violinisti

  • La mamma di Paganini: “Niccolò, smetti per favore, non ne posso più dei tuoi capricci
  • Se il primo amore e' un violino si scorda facilmente.
  • La mamma a Pierino: “Smettila di suonare il violino o diventerò pazza”. “Ma, mamma, ho già smesso da un'ora!”.
  • Un carabiniere dopo un incidente d'auto riporta la frattura multipla di entrambe le mani. Preoccupato per le conseguenze chiede al medico dell'ospedale: “Dottore, dopo che mi avrà operato potrò suonare il violino?”. Il medico risponde: “E' molto probabile, la chirurgia moderna al giorno d'oggi fa miracoli!”. E il carabiniere: “Fantastico!!! Incredibile!!! Pensi che non ho mai suonato il violino finora!!”.
  • Dei musicisti del Titanic si e' salvato il contrabbassista… perché lo strumento “ingombrante” gli ha permesso di “galleggiare” sino ai soccorsi… remando con il suo archetto. Il violoncellista, poverino, e' affondato… era troppo pesante per quello strumento… E i violinisti ? Beh, loro… hanno preso la scialuppa!
  • Quand'ero piccolo non avevo l'orologio. Così usavo il violino. Iniziavo ad esercitarmi durante la notte e i vicini gridavano: “Bel momento per suonare il violino alle 3 di notte!”. (Henny Youngman)
  • Un primo violino, un secondo violino, un violista virtuoso e un contrabbassista stanno ciascuno ad uno dei quattro angoli di un campo da pallacanestro. Ad un segnale viene fatta cadere una banconota da 100 euro esattamente al centro e i quattro possono cominciare a correre per prenderla. Chi vince? Il secondo violino. E perché?
    1. Nessun primo violino si muove per soli 100 euro.
    2. Non esiste una cosa che si possa chiamare “violista virtuoso”.
    3. Il contrabbassista non ha ancora capito cosa sta succedendo.
  • Due violinisti fanno il patto che chiunque dei due morirà per primo, contatterà l'altro e gli dirà come si vive in paradiso. Il povero Max ha un attacco di cuore e muore. Inizia subito ad organizzare tutto il necessario per contattare il collega il giorno dopo. Abe dice:” Non posso credere che funzioni! Allora, com'è il paradiso?” Max: “Oh, è grandioso! Ho una notizia buona e una cattiva: La buona è che quassù c'è un'orchestra fantastica, e infatti domani sera suoneremo il tuo brano preferito, Sheherazade. E Abe dice: “Allora, qual' è la brutta notizia?” e Max risponde: “Beh, hanno stabilito che tu suonerai l'assolo!”

Violoncelli e violoncellisti

  • “Madame, avete tra le gambe uno strumento che può offrire piacere a migliaia di persone e tutto quello che sapete fare è grattarlo?”. (Sir Thomas Beecham a una violoncellista)
  • Il violoncello può essere anche uno strumento condominiale. Eccovi un quartetto di violoncello:

Indice

humor/barzellette.txt · Ultima modifica: 2017/03/31 18:10 (modifica esterna)